Pagine

lunedì 24 febbraio 2014

From fat 2 fit: la trasformazione di Anna Lisa

Come vi avevo anticipato settimana scorsa, ho pensato di aprire una rubrica interamente dedicata alle trasformazioni fisiche made in Italy. Sarebbe stato così facile limitarmi a rubare da internet foto - e ce ne sono davvero tante -. Oltre a farvi vedere con foto i cambiamenti, avremo tutti la possibilità di conoscere da vicino la protagonista e il suo percorso. 

Se anche tu vuoi essere "l'ospite della settimana", guarda qui come fare!

Ad inaugurare la rubrica abbiamo Anna Lisa, 27 anni, della provincia di Bergamo. Una vera forza della natura! Lei ce l'ha fatta, e tu cosa aspetti?






1) Raccontaci l'inizio del tuo percorso: quanto pesavi? Come hai raggiunto questo peso? 
Ho sempre avuto problemi di peso fin da bambina, non credo di essere mai stata normo-peso, se non nei pochi anni dell’adolescenza dove, anche, avevo una vita abbastanza serena.
Il massimo del peso l’ho raggiunto a settembre 2012: pesavo 137 kg.
Credo che dietro ad un problema di obesità come il mio,ci sia qualche disagio o, comunque, situazioni che vanno oltre il comune “mangiare male”.
Si certo il “mangiare male” è la causa dell’aumento di peso, ma il perchè mangiamo male spesso nessuno se ne preoccupa.
Nel mio caso era per colmare dei vuoti interiori, per solitudine, per noia, perchè non mi amavo abbastanza da prendermi cura di me e vedevo il cibo come qualcosa di appagante nei momenti di difficoltà.

2) Quando e come hai deciso di cambiare? Qual'è stato l'effetto scatenante?
Ho deciso di cambiare perchè ormai ero arrivata al limite, non trovavo più nulla che mi stesse bene, evitavo gli specchi e quando mi guardavo piangevo.
Non mi riconoscevo più nella persona che ero diventata, non ero io, non avevo una forma e nonostante il grande peso mi sentivo invisibile.
In effetti ero invisibile, nel senso che non avevo forme, perchè erano nascoste dal grasso.
Avevo deciso di operarmi non trovando altra soluzione, avevo fatto mille diete, mi ero iscritta varie volte in palestra senza alcun risultato.
L’effetto scatenante è stato sentirmi dire dal medico, alla mia domanda se l’operazione fosse stata un operazione rischiosa,che sarebbe stato più rischioso rimanere com’ero, dato che avrei accorciato la mia vita di 15 anni..
Mi hanno dato una “scossa” queste parole e mi hanno portato a riflettere sul perchè mi stessi facendo cosi male e se davvero l’operazione era l’unica spiaggia.
Sapevo che dovevo riprendere in mano la mia vita, che dovevo riprendere le redini della situazione e decidere io dove andare e non essere schiava del cibo.
Ho conosciuto il mio attuale compagno mentre procedevo con i vari colloqui per definire i dettagli pre e post operatori, quando lui mi ha fatto ragionare e fatto capire che l’operazione non era la soluzione, perchè la mia testa funzionava bene e con un po di impegno ce l’avrei fatta.
Mi ha dato fiducia e soprattutto mi è stato sempre vicino in questo lungo percorso; mi serviva questo, una persona che mi desse fiducia, quella fiducia in me che avevo da tempo perso e, grazie anche a lui, ho perso 50kg in un anno.

3) Hai seguito una dieta specifica? Hai praticato sport? Se si, quale?
Ho seguito una dieta mediterranea, senza escludere nulla, ma riducendo le dosi.
Inizialmente, visto il peso non indifferente, ho iniziato a fare acqua gym 3 volte la settimana e 2 volte la settimana camminata veloce.
Poi ho fatto nuoto libero ed ora palestra, e se ce bel tempo vado a correre su strada.

4) A cos'hai rinunciato più difficilmente? Quali difficoltà hai riscontrato nel tuo percorso di cambiamento?
Rinunce particolari non ce ne sono state dato che appunto non ho eliminato nulla, ho solo cambiato modo di vedere il cibo.
Ora il cibo è il nutrimento per il mio corpo, prima era strumento di consolazione, di compagnia, era un modo di sentirmi appagata.
Le difficoltà ci sono state nei momenti di “stallo”, dove nonostante tutto il peso non calava, ma io sono sempre stata costante. Non è facile non farsi abbattere da quei maledetti numeri che non scendono,ma poi la costanza paga.

5) Quale consiglio daresti a chi si trova nella tua stessa situazione di partenza? 
Di non perdere tempo e di incominciare ad amarsi, perchè se non lo facciamo noi nessuno lo farà per noi.
La vita è una e non va sprecata, ora sono felice di come sono adesso, più consapevole di quello che mangio, più attiva, più energica, mi sento viva.
Quella vitalità che non avevo prima.
Quindi quello che consiglio è non rimandate, prendetevi cura di voi stesse, nessuno è più importante di voi! Un pò di sano egoismo fa solo bene.. io avrei potuto farlo prima e avrei evitato danni ormai irreversibili alla schiena che mi dovrò tenere a vita, saranno le mie cicatrici.
Consiglio di non vivere la dieta come una restrizione ma come un opportunità che diamo al nostro corpo di stare meglio.
Prima del corpo però deve cambiare la testa, perchè corpo e mente vanno di pari passo, non a caso il detto “mente sana in corpo sano”.

Per conoscere ancora meglio il percorso di Anna Lisa, vi consiglio di visionare questa video intervista che ha rilasciato a Melarossa e che contiene moltissime sue foto.



7 commenti:

  1. E' proprio vero che l'unica dieta che funziona e' quella che mangi quello che vuoi ma in piccole dosi! Quelle impostate funzionano finché le segui, appena non le segui e' ovvio che si riprendono i kg! Come quelle che eliminano i carboidrati, prima o poi dovrai pur tornare a mangiarli ed ecco che si riprendono i kg..
    Bisogno invece imparare a nutrirsi e non ad alimentare della golosita..
    Infatti da quando lo capito ho anche migliorato la qualità dei cibi che mangio..

    Complimenti alla ragazza! Ora avrai una mentalità che ti farà stare in forma a vita e senza rinunce!! E poi 50kg in un anno?? Una vera macchina brucia grassi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che si capisce con la testimonianza di anna Lisa è proprio che tutto parte dalla testa. Se non ne sei convinto al 100%, la dieta è destinata a fallire... Poi sono sempre ferma sul mio punto di vista: se introduci lo stile mediterraneo, sei destinato a dimagrire e a raggiungere il tuo peso forma. Poi ti basta mantenere lo stile di vita per non vedere i chili aumentare. Sempre con l'introduzione dell'attività fisica, che oltre ai benefici sul corpo, aiuta tantissimo la mente.
      Guarda me: saranno gli ormoni, ma in questo periodo mi innervosisco facilmente. Prendo e mi sfogo con la camminata a passo svelto, o qualche workout. Poi sono talmente distrutta, in senso positivo, che mi rimbalza tutto!

      Elimina
  2. Si ora la mia testa e cambiata e di conseguenza io..ed e molto bello avere il pieno controllo di se.. Le costrizioni x loro definizione prima o poi ti fanno evadere .. Mentre avere il pieno controllo di se è la chiave per il successo nella sana e corretta alimentazione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non smetterò mai di dirti quanto sei stata brava! e la tua testimonianza è d'aiuto per chi crede di non farcela!!! Sei un buonissimo esempio da seguire!

      Elimina
  3. Già concordo con tutto!
    Veramente complimenti, sia x i chili persi (veramente tanti) ma soprattutto xkè hai capito che non e' seguendo una dieta che si dimagrisce ma solo cambiando mentalità verso il cibo e l'alimentazione che uno può veramente calare e mantenere la ritrovata forma fisica :)

    X la questione sport altrettanto d'accordo! Me ne sono accorta una sera (vado a correre alla sera xkè e' l'unico momento libero x me) che sono uscita x correre piena di ansia x una litigata con mio padre mezza depressa, inizio a correre, faccio la mia sessione e inizio a sentirmi sempre più leggera, poi arrivo alla fine che c'era il mio ragazzo ad aspettarmi e mi era passato tutto, addirittura euforica ero, con un sorriso stampato, tanto che mi ha chiesto xkè ero cosi contenta "sapessi te, meno di un'ora fa ho litigato e avevo solo voglia di stare in casa a ingozzarmi di biscotti e nutella!" Hahahaha

    RispondiElimina
  4. grazie nadia e raki :-) alla fine il corpo.nn.si.modifica se la testa nn cambia.. a volte se ci penso.. ero una pigrona e ora.. nn posso farne a meno !!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che è proprio vero. Io, poi, ho notato che ero dipendente dalla bilancia. quando ho iniziato a snobbarla un pò, a non avere lo stress della pesata....calavo più facilmente! La testa è la chiave di tutto!

      Elimina